Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

u cuntadin

u cuntadin

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

34 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

u cuntadin Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

Il pane caldo della Daunia

Introspezione

u cuntadin

Poesia pubblicata il 16/04/2018 | 957 letture

Il pane caldo della Daunia
Sole rovente
è un classico di giugno
come lo sono
distese di stoppie
risultati di campi trebbiati.

Sette bocche da sfamare
qui
nulla può contrastare un padre
al crepuscolo
svegliare i suoi pulcini
per una raccolta di spighe perdute
nelle stoppie vicine.

Latte appena munto
con il pane sfornato da due settimane
è la colazione
di un miracolato ennesimo mattino
e per continuare
a mangiare nel dì
e nel domani
nei campi mietuti bisogna cercare.

Tutto è pronto
il sole annuncia l’alba
e bisogna fare in fretta
pulcini alla ricerca di spighe nelle stoppie
scavate più delle volte sotto la paglia
e deposte in sacchi di juta.

Spiga dopo spiga il sacco si riempie
ma per far più velocemente
nelle stoppie bruciate bisogna guardare

le spighe risaltano tra la cenere
e se anche la spiga è bruciata
lo stesso
il chicco diventerà farina.

Fa caldo
con il sole

in alto
il sudore imbrattato di terra
paglia
e cenere ferma lo spigolare.

Pochi lunghi attimi
e quei enormi sacchi
con la magia di un possente padre
si trasformano
in un piccolo sacco di farina non bianca
inquinata dal chicco bruciato.

È sera ed è il turno della chioccia
che fin dal primo pomeriggio
ha amalgamato quella farina grigia
con una manciata
d’impasto vecchio
ed è lievitato un preparato
pronto per essere infornato.

Un vecchio forno
brucia una balla di paglia
e poi un’altra
fino a quando
il suo grembo si colora di rosa
e lì
è pronto ad ospitare il sudore
di una famiglia da sfamare.

Un miracolo
con una croce incisa sopra
è
il risultato dello sfornato.

Il profumo è ciò
che è nato da spighe trovate
nella generosa terra
che per secoli
ha sfamato anime autoctone
di un solo companatico ...
il pane caldo
della Daunia.
 
<< Successiva
<< Successiva di u cuntadinPrecedente di u cuntadin >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Nuovi autori:

Autori piu' pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: