Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

Giorgio Andreato

Giorgio Andreato

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

52 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giorgio Andreato Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

Il giglio di mare

Natura

Giorgio Andreato

Poesia pubblicata il 11/06/2018 | 181 letture

Il giglio di mare
Magnifica terra d’Enotria,
selvaggio confine fissato
sul mare d’azzurro e smeraldo.
Velate calette di sabbia e corallo
frangon l’onde in rivoli infiniti,
bianchi coriandoli di schiuma
innocente come giglio di mare.
Culle di amori segreti,
sospiri e palpiti del cuore,
acerbe promesse d’amore,
ardite brezze del cuore.

Nell’aria salmastra
frammiste fragranze di zagare
e gelsomino profuman la brezza
fra i vicoli di borghi antichi,
color sabbia e pastello.
Aggrappati su rupi scoscese,
tra cielo e mare, sospesi
ai raggi di luce
fanno la guardia contro
d’Oriente l’antico invasore.

Inquieti sguardi di fanciulle
innamorate scrutan l’orizzonte
a sera, verso il tramonto del sole,
nell’attesa di barche cromate
venire al porto con il loro amore.

Come la prima falce di luna,
chiara in ciel, Ninfa color latte,
ti vedo sola sul poggio a mare.
Occhi marroni come la tua terra,
del sud procace bellezza bruna
immersa nei sogni osservi rapita
il declinare del sole,
dar spazio alla luna.

Capelli neri spigliati nel vento,
forme d’un corpo sensuale
disegnate sul disco infuocato,
risvegliano fantasie erotiche,
caldi desideri senza pudore.
Un solo bacio da te vorrei,
cogliere il sapore del mare,
sentire l’odore della tua terra,
una leggera carezza sul cuore,
l’essenza del tuo amore.

Sensualità di donna fra sguardo
e corpo, fresca innocenza
di fanciulla adorna del fiore
più raro, selvaggio come
il tuo cuore, un bianco giglio
di mare, sbocciato d’incanto
fra pietre amare,
da lacrime cadute nel breve
attimo del tuo primo amore.

Nota dell'autore:

«Il giglio di mare... fiore tipico della Calabria. Il ricordo di una donna che ha dovuto lasciare la sua terra per ritrovare la dignità di vivere e la libertà. Il suo giglio di purezza è stato colto in giovane età quando ancora, non lontano nel tempo, era considerato amorale. Dedicata a lei e a tutte le donne che hanno vissuto analoghe esperienze.»

 
<< Successiva
<< Successiva di Giorgio AndreatoPrecedente di Giorgio Andreato >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Nuovi autori:

Autori piu' pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: