Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

Gabriella Giusti

Gabriella Giusti

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

79 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Gabriella Giusti Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

Er Festival de Sanremo

Dialettali

Gabriella Giusti

Poesia pubblicata il 07/02/2019 | 200 letture

Er Festival de Sanremo
N’à vorta
er festival de Sanremo
tuttiquanti lo vedeveno,
momento emozzionante
prestigioso.

Er festival de la canzone italiana
famosa ner monno,
nà cosa gradita
nà barca de gente,
se mettevano davanti alla televisione,
a guardà la trasmissione.

Er teatro dell’ariston
nà mucchiata de gente,
er parco decorato
de bochèi,
nò splendore.

Li cantanti seri
morto eleganti,
vestiti da sera.

Canzoni melodiose
zeppe de setiiniènto,
mò è tuttata divèrso,
da attaccà dar parc’oscènico
uno scintillio de luci colorate
fantasiose,
megalitiche scenografie
li bochèi bène belli,
nun c è so più.

Li cantanti
tuttiquanti vestiti strani
pè nun parlà
de le canzoni.

Dov’è annato a finì er sentiiento?
Che tibbidòi,
n’à vorta c’era
mò nun c’è più.

Caro festival,
nà vorta eri fico
quanno nelle canzoni
le note volavano pè la giannètta
armonia creavano,
c’era er sentiinènto
mò troppe cose so cambiate.

Và bè un sacco d’anni so passati
mò c’è er progresso
ma li brochèi nò
nun doveveno sfumà,
daveno er tocco de dolcezza
purezza
profumo
maggìa,
della canzone italiana,
mammà mi.

Oramài so pochi quelli che te guardeno
girano canale,
guardeno artro.
 
<< Successiva
<< Successiva di Gabriella GiustiPrecedente di Gabriella Giusti >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: