Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

Gabriella Giusti

Gabriella Giusti

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

58 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Gabriella Giusti Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

L’abbandono

Dialettali

Gabriella Giusti

Poesia pubblicata il 17/02/2019 | 106 letture

L’abbandono
Sò contento
oggi c’è er sole
er mi padrone
ha preso er guinsajio
sicuramente me porta a spasso
sò un sacco felice.

Salto scodinzolo
lo guardo c’ò l’occhi pieni d’amore.
Annamo me dice
venjhi c’ò me.

Sò in machina
guardo fori dar finestrino
la strada che scorre veloce,
dove me porterà er mi padrone?

Me piacerebbe n’à cifra
annà a corre ar prato
c’ò er pallone,
ar mare su la spiaggia
a fà le buche,
nun vedo l’ora
de esse inzième a lui,
che me ama un casino.

La machina se stà a fermà
mò scennèmo
sèmo arivati.
Annamo me dice, zompa
nun te fà pregà.
Nun venjhi c’ò me,
padroncino mio?

Me faccio duro
nun vojio scenne sensa de te
nun me lascià solo,
te prego
ho paura.

Nun me fà perde tempo
devo partì,
nun c’è posto pe te.

Sto a core addiètro a la machina
c’ò tutta la pètto che ho,
nun c è la faccio più
cado pè tera,
Sò arifinito.

N’à cifra de dolore
me trafigge er core,
quarcosa ho fatto de male
pè questo mà lasciato
è corpa mia.
Lui me voleva bene
io lo amavo,
mò so solo.

Vojio morì
sensa de lui
nun vojio più vive.

l’occhi me se stanno a chiude
stò morendo,
cò er ricordo dorce der mi padrone.

Guarda mamma!
Sulla strada
c’è nò straccio,
ma nò che dichi
me pare un cajnetto,
poverino!
Trema.

Salvamolo te prego
annamo dar veterinario
vedemo se riprenne.

Sò morto!
quì è tutto bianco
c’è tanta luce,
vedo n’ombra
me pare er viso d’ un pupo
me stà a carezzà,
nun so annato da Gesù.

Cajnetto nun so come te chiami
venjhi a casa c’ò me,
te vojio chiamà Salvo.

Nun avè paura
io nun te lascerò mai,
annamo venjhi fra le mie braccia.

Te amo pupo bello
m’hai curato le ferite,
m’hai ridato
la speranza.
Ti amerò tutta la vita,
fatte bacià.
 
<< Successiva
<< Successiva di Gabriella GiustiPrecedente di Gabriella Giusti >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: