Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

Gabriella Giusti

Gabriella Giusti

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

59 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Gabriella Giusti Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

L’uccellino in gabbia

Dialettali

Gabriella Giusti

Poesia pubblicata il 09/04/2019 | 64 letture

L’uccellino in gabbia
Un uccellino in gabbia
guardanno er cielo drènto le sbarre der gabbiòne suo,
diceva ad arta voce...

E’ bello er mio gabbione dorato
sò fortunato
posso svolazzà de quà e di là
in su e in giù
quanno so stanco me posso riposà sur trespoletto de legno
da le sbarre dorate guardà er cielo azzurro
er sole.
L’acqua nun me manca,
neppuro da magnà
ho n’abbeveratoio e n’ osso de seppia pe er becco
n’à fogliolina de insalata
comme so fortunato.
Er mio padroncino è un regazzino piccinino
me vole un sacco bene
e puro io ce so affezionato
me pulisce er gabbiòne a tutte l’ore,
nun posso volè de più da la vita.
Sei sicuro amico mio, de volè solo questo da la vita?
Jiè rispose un passerotto che volava contento
accòsto ar suo gabbiòne dorato.
Certo che sì
jiè rispose l’uccellino stupito
chi sei tu,
io nun te conosco?
C’hai raggiòne, scusame tanto
nun me so presentato
stavo a volà quanno t’ho sentito parlà.
Sò un passerotto
la mia casa è er cielo intero,
me dispiace n’à cifra de vedette rinchiuso
e dichi che sei felice,
ma sei sicuro?
Nun me manca jiente posso sognà.
Ma cosa sogni amico
scommetti che indovino?
Sogni de volà liggèro ner cielo?
C’hai preso passerotto
jià rispose l’uccellino, c’ò locchi rossi de pianto
mè piacerebbe un casino
nun lo nego
ma nun posso,
perché?
Ho paura de affrontà er cielo immenso
e si me perdo?
Nun trovo da majnà e da beve
er nido pe riposà che faccio?
Te capisco uccellino caro
e duro affrontà er cielo.
Io so nato libero
drènto n’à gabbia morirei de dolore,
me piace sfidà er cielo tutti li giorni
pè esse libero e felice,
credeme che er cielo nun è sempre azzurro
ce so dei giorni scuri e freddi
nun se trova nemmanco da majnà,
affronto tutto pè la libertà.
Comme te invidio passerotto.
Nun me devi invidià
se voi te posso aiutà a fuggì
da sta prigione dorata.
Me dispiace veramente de lassà er padroncino piccinino
jiè vojio un casino bene.
Lo so uccellino, nun c’è pensà
devi solo evade e trovà la tua felicità.
Se voi, te posso aiutà a scappà
annamo decidete
spicca er volo
nun potemo perde tempo,
voi che te apro lo sporteletto c’ò er becco?
Và bè ce provo, vengo c’ò te.
Nun tremà
nun devi avè paura
te aiuto io,
vedrai quanto è bello
volà ner cielo infinito.
Dajie la porticina der gabbiòne è aperta
mò poi volà
Spicciate che stai ad aspettà, la carozza?
Venghi addiètro de me
godete la libertà.
Stai a volà uccellino mio
nun sei contento?
Guarda er cielo quanto è immenso
hai paura in questo momento?
No passerotto è tutto così bello!
Er panorame è n’à meravijia
sento l’aria che m’arriva dentro er core
sò felice veramente.
Che t’avevo detto!
Se sei stanco ce potemo riposà
su er ramo de quell’arbero fronzuto
là ce stà er nido mio,
venghi a vede quanto è bello.
E bello da morì passerotto.
L’ho fatto io c’ò er becco
c’ò fili d’erba intrecciati.
Complimenti
sei bravo veramente, passerotto
Che voi fà,
quì te devi arranjià,
se voi vive in libertà.
Nun ce stà nisuno che te dà nà gabbia dorata
c’ò l’altalena infiorata
da beve e da majnà,
te devi arranjià.
Hai raggiòne passerotto
mò capisco perché
ner gabbiòne dorato, nun riuscivo a cantà
nun avevo la libertà.

Te devo ringrazzià c’ò tutto er core
amico mio
è solo merito tuo se mò cinguetto
se nun me avessi aperto er gabbione
mò sarei ancora là a guardà
er cielo fra le sbarre,
a pensà...
Me devo accontentà!
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Gabriella GiustiPrecedente di Gabriella Giusti >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: