Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

Giorgio Andreato

Giorgio Andreato

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

113 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giorgio Andreato Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

Il bacio del Male (La magia del soffione)

Riflessioni

Giorgio Andreato

Poesia pubblicata il 29/03/2020 | 348 letture

Il bacio del Male (La magia del soffione)
Aleggia nell’aria
l’oscura ombra del Male,
una viscida lingua nera
che lecca l’anima e dipinge
di morte la luce del giorno,
oscura i sogni, spegne i sorrisi,
s’insinua nei gangli della vita
e inesorabile falcia il filo
luminoso del destino,
e toglie il respiro.

Fiochi raggi di sole
si perdono innocui fra
gli alberi e sui prati verdi
senza fiori, senza colori,
non s’ode il garrire festoso
di rondini o il canto del cuculo
nascosto tra le fronde,
ma solo il solitario rombo
delle gazzelle e lo stridulo
urlo lacerante delle sirene
che trancia il silenzio e
scuote il palpito del cuore
che ansioso ascolta i minuti
e lo scorrere lento delle ore.

Non parvenza d’uomo
o voci festanti di bimbi che
sciamano gioiosi verso la scuola,
non mamme frettolose
o intente al loro incessante
giornaliero operare.

Sulle strade vuote
il tempo si è fermato
e gli umani confusi
guardano da dietro i vetri
l’azzurro orizzonte perduto,
come sui prati silenti
s’è fermato il fremito d’ali
delle api operose che
non trovano più il nutriente
nettare dorato della vita,
non farfalle colorate
inseguite da fanciulli felici
e dai cani giocosi.

Tutto intorno è il silenzio,
nell’immobile attesa
che il magico potere
dei fiori d’oro dei soffioni
esploda la sua nube piumosa
liberando il flusso del vivere
e nuovo brivido di speranza
inondi lo spirito dei coraggiosi
che lottano contro il male,
doni gioia e spensieratezza
nell’alternanza tra il giorno
e la notte di una nuova vita,
finché la benevolenza Divina
non avrà pietà di noi.

Nota dell'autore:

«Il soffione è legato all’idea del distacco e del viaggio. I semi di questo fiore sembrano rappresentare perfettamente le fasi del ciclo della vita che ognuno di noi è destinato a compiere.»

 
<< Successiva
<< Successiva di Giorgio AndreatoPrecedente di Giorgio Andreato >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: