Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

sergio garbellini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

2177 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

sergio garbellini Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

Uno spasimante in preda al desiderio

Amore

sergio garbellini

Poesia pubblicata il 26/10/2020 | 105 letture

“Ho chiuso a chiave per farti capire
che io ti bramo, non ti rifiutare,
ti voglio disponibile a far sesso,
sennò ti devo proprio violentare!

Ma non è questo che volevo dire,
dimostrati felice e consenziente
rendendoti partecipe alle voglie,
in modo seducente e convincente!

Ti chiedo questo perché sto soffrendo
dal forte desiderio che mi spinge
ad un’azione intensa e passionale,
è forse il troppo amor che mi costringe

a questo passo intimo e volgare!
Però nel cuore nutro un sentimento
d’amore dolce, mi sto distruggendo
in preda ad un terribile tormento!

Purtroppo sono in crisi sessuale,
non mi dire di ‘No’ ho il cuore affranto,
perdonami, sto rovinando tutto!
L’amore è un sentimento sacrosanto!

Qui c’è la chiave, pensa quel che vuoi,
se non ti va, te ne puoi pure andare,
ma se decidi a uscire dalla porta ...
ti prego con il cuore ... non lo fare! ”

Le consegnò la chiave nelle mani,
restò davanti a lei in viva attesa,
cosciente del suo folle atteggiamento ...,
ma Cinzia gli rispose alquanto offesa:

“Mi hai portata qui con una scusa ...
per violentarmi? Tu saresti un uomo
che tratta le ragazze in questo modo?
Dov’è finito il grande gentiluomo

che s’atteggiava in modo riverente
a paladino dell’amor perfetto,
il protettore bello e palestrato
che m’adulava sempre con rispetto?

Mi stai trattando come una sgualdrina!
All’Università fai il cavaliere,
ma reciti il tuo ruolo mascherato,
ti prenderei a calci nel sedere!

Dov’è finito Giorgio, lo studente
che mi faceva tanti apprezzamenti
al fin di conquistarmi? Eran questi
i tuoi sublimi, veri intendimenti?

L’amore è bello, è meraviglioso
lor quando c’è una doppia compiacenza,
invece m’hai invitato a casa tua
soltanto per avermi con violenza?

E se m’offrivi un cocktail stanne certo
lo rifiutavo subito, all’istante,
perché l’invito che mi hai proposto
mostrava un non so ché di ripugnante!

Magari registravi la violenza
postandola e ridendo con gli amici,
stavolta il tuo progetto è andato a vuoto,
aveva dei propositi infelici!

La donna si conquista col rispetto
ed odia chi la vuole violentare,
se tu l’avresti fatto, te lo giuro,
t’andavo prontamente a denunciare! ”

Così le disse Cinzia e lui rispose:
“Ti prego di scusarmi, son distrutto,
mi stavo comportando come un pazzo,
in questo modo ho rovinato tutto! ”

Chinò la testa con il cuore affranto,
fu Cinzia che gli disse: “Vieni, usciamo!
Non so che cosa t’eri messo in testa!
Così non voglio! Sappi che io t’amo! ”

Uscirono tenendosi per mano,
lei lo guardava in modo conciliante
e Giorgio la baciò con grande affetto,
pentito di quel gesto stravagante!

Nota dell'autore:

«A volte l’uomo quando viene sopraffatto dal desidero perde la ragione e si comporta in modo sconsiderato, qui il rispetto reciproco è riuscito a risolvere la questione di modo civile e sentimentale, ma non sempre è così, spesso la brama sovrasta drammaticamente la ragione e accadono cose spiacevoli per la donna, qui lei rimasta calma e soprattutto offesa dalla situazione che si andava svolgendo ha riflettuto e riportato alla ragione il suo uomo che in verità l’amava e per questo si è ravveduto dal compiere un’azione infamante.»

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di sergio garbelliniPrecedente di sergio garbellini >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Nuovi autori:

Autori piu' pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: